Agevolazioni assunzioni ultracinquantenni

È prevista un’agevolazione contributiva per le assunzioni a tempo indeterminato o a termine (anche part-time) di lavoratori o lavoratrici con almeno 50 anni di età, disoccupati da oltre 12 mesi.

L’agevolazione spetta anche all’agenzia di somministrazione per le assunzioni a tempo indeterminato, a termine, o in caso di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a termine agevolato.

Oltre alle condizioni per ottenere le agevolazioni descritte sopra, il datore di lavoro deve ottenere, con le assunzioni effettuate, un incremento netto del numero dei lavoratori dipendenti dell’impresa, rispetto alla media dei 12 mesi precedenti.

Agevolazione. Consiste nella riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro e dei premi assicurativi INAIL per:

  • 18 mesi dalla data di assunzione, in caso di contratto a tempo indeterminato;
  • 12 mesi, in caso di contratto a termine. In questa ipotesi la riduzione contributiva opera anche sul contributo addizionale

L’agevolazione spetta anche in caso di proroga del rapporto a termine fino al limite complessivo di 12 mesi.

Se il contratto a termine viene trasformato a tempo indeterminato, entro la scadenza del beneficio iniziale, la riduzione contributiva si prolunga fino al 18° mese dalla data dell’assunzione a termine.

Se, dopo un primo rapporto agevolato a termine, l’ex dipendente viene nuovamente assunto (a termine o indeterminato) con soluzione di continuità, l’incentivo è riconosciuto quando il lavoratore ha mantenuto un’anzianità di disoccupazione superiore a 12 mesi. In tali ipotesi l’incentivo spetta per la durata residua rispetto a quanto già goduto precedentemente.

Nella tabella seguente riportiamo alcuni esempi pratici di calcolo della durata dell’incentivo:

 

 Esempio  Primo contratto a termine Nuovo rapporto di lavoro Durata incentivo
1. 15 mesi A tempo indeterminato a seguito di trasformazione avvenuta al termine del primo contratto Solo per i primi 12 mesi del rapporto a termine
2. 15 mesi A tempo indeterminato a seguito di trasformazione avvenuta alla scadenza del 10° mese del primo contratto Per i primi 10 mesi del rapporto a termine, con prolungamento fino al 18° mese complessivo del rapporto
3. 3 mesi A termine di 11 mesi, dopo 2 mesi di disoccupazione Complessivi 12 mesi (3 mesi del primo rapporto e 9 mesi residui per il secondo rapporto), se al momento della seconda assunzione il lavoratore ha ancora l’anzianità di disoccupazione superiore a 12 mesi

 

Il limite massimo di durata dell’agevolazione per lo stesso lavoratore è computato considerando unitariamente i periodi di utilizzazione agevolata, diretta e indiretta, non solo da parte dello stesso soggetto ma anche da parte di soggetti diversi, se appartenenti allo stesso gruppo o collegati.

Ad esempio, una società Alfa utilizza per 2 mesi un lavoratore somministrato, poi la collegata società Beta assume direttamente il lavoratore per 1 mese, quindi la società collegata Gamma lo assume a tempo indeterminato.

A Gamma spetta l’incentivo residuo di 15 mesi, ricavato sottraendo dalla durata legale astratta massima dell’incentivo di 18 mesi (prevista per l’assunzione a tempo indeterminato del lavoratore) i periodi di utilizzazione indiretta e diretta svolti presso le altre società del gruppo cui appartiene Gamma.