Agevolazioni assunzioni di studenti

I datori di lavoro che dal 1° gennaio 2018 assumono studenti con contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti hanno diritto – nei limiti delle risorse stanziate – all’esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali a carico azienda, nel limite massimo di € 3.000 annui per lavoratore assunto.
Resta ferma l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche.

Sono quindi esclusi i premi e i contributi dovuti all’INAIL.

L’incentivo, non cumulabile con altri esoneri o riduzioni o contributive, non si applica ai rapporti di lavoro domestico e di apprendistato.

L’esonero spetta ai datori di lavoro che assumono, entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio, studenti che hanno svolto presso il medesimo datore di lavoro:

  • attività di alternanza scuola-lavoro (ora “percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”, pari almeno al 30% delle ore di alternanza previste negli istituti tecnici e professionali e nei licei all’interno dei percorsi di istruzione e formazione professionale, nell’ambito dei percorsi degli istituti tecnici superiori, i c.d. ITS o dai rispettivi ordinamenti per le attività di alternanza nei percorsi universitari;
  • periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.