Affitti incentivi (FONDO)

E’ un fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in affitto previsto dalla Legge 431/1998 e ripartito tra i Comuni (dalle Regioni) per finanziare iniziative riguardanti inquilini che hanno difficoltà a pagare l’affitto.

E’ stato rifinanziato dalla legge di Bilancio 2020 per il triennio 2020/2021/2022 con 50 milioni di euro per ciascun anno e, in ultimo dal decreto rilancio (dl 34/2020) con 160 milioni di euro per il 2020. I fondi sono ripartiti alle Regioni che a loro volta li assegnano ai comuni.

Per i nuclei i nuclei familiari meno abbienti è previsto la concessione di un contributo al pagamento del canone di affitto. La concessione del contributo viene effettuata sulla base di una graduatoria comunale in presenza dei seguenti requisiti:

  • reddito annuo imponibile non superiore a due pensioni INPS, rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 14%
  • reddito annuo imponibile complessivo non superiore a quello determinato dalle regioni per l’assegnazione degli alloggi di edilizia pubblica, rispetto al quale l’incidenza del canone non sia inferiore al 24%
  • in presenza di ultrasessantacinquenni, disabili, di analoghe situazioni di debolezza sociale, io contributo da assegnare, o in alternativa, i limiti di reddito suindicati possono essere innalzati fino ad massimo del 25%.