Diritto allo studio

PER UN AVERE UN QUADRO PIU’ DETTAGLIATO DEL DIRITTO ALLO STUDIO, E’ POSSIBILE CONSULTARE E SCARICARE L’EBOOK SULLA FORMAZIONE.

http://www.abcdeidiritti.it/website/2020/07/16/e-book-sulla-formazione/

La Costituzione prevede, all’art. 35, il diritto ad ottenere permessi per studio e formazione. laddove afferma che la Repubblica cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori.

Il tema della formazione per la CGIL è presente da molti anni nell’azione rivendicativa, basti pensare alle 150 ore di diritto allo studio che, contrariamente a quanto comunemente si pensa, non sono nate da una legge dello Stato, ma sono il frutto di una conquista del Sindacato nel 1972 con il contratto dei Metalmeccanici.

E’ con l’accordo unico del personale ospedaliero del 1° luglio del 1979 che, per la prima volta, la formazione,  l’aggiornamento e la riqualificazione professionale trovano una sistematizzazione organica in un CCNL pubblico e diventano un diritto, aprendo la via per tutti gli altri contratti nazionali di lavoro.

Dal diritto alle 150 ore per il diritto allo studio che, seppure come vedremo con talune differenze, è presente in tutti i CCNL, ai permessi giornalieri, alla qualificazione e riqualificazione professionale, agli ECM ecc, sono molte le diposizioni contrattuali sul diritto allo studio, oltre a quelle previste dalla Legge.

Ne forniamo un’ampia sintesi rinviando, rinviando per le norme di dettaglio ai singoli articoli dei CCNL riportati.

STATUTO DEI LAVORATORI

Lo Statuto dei Lavoratori – legge 300/1970 – all’art. 10 prevede che per i lavoratori studenti, iscritti e frequentanti corsi regolari di studio in scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali, hanno diritto a turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi e la preparazione agli esami e non sono obbligati a prestazioni di lavoro straordinario durante i riposi settimanali.

I lavoratori studenti, compresi quelli universitari, che devono sostenere prove di esame, hanno diritto a fruire di permessi giornalieri retribuiti.

Il datore di lavoro potrà richiedere la produzione delle certificazioni necessarie all’esercizio dei diritti di cui al primo e secondo comma.

Il diritto, come confermato da una numerosa e consolidata giurisprudenza, è esercitabile anche nei rapporti di lavoro a tempi determinato.

Tale disposizione si applica a tutti i lavoratori e alle lavoratrici dei comparti pubblici e dei settori privati, indipendentemente dal fatto che i vari CCNL lo prevedono espressamente.

 PERMESSI GIORNALIERI RETRIBUITI

In aggiunta alle disposizioni di legge (Vedi congedi per la formazione), i CCNL hanno introdotto appositi permessi giornalieri per l’esercizio del diritto alla formazione, ecco una sintesi con l’indicazione dei vari articoli contrattuali a cui si rimanda per un esame più compiuto. 

DISPOSIZIONI CONTRATTUALI

CCNL Comparti Pubblici. Nell’ambito dei permessi retribuiti, prevedono la concessione di permessi giornalieri retribuiti per la partecipazione a concorsi od esami, o per aggiornamento professionale facoltativo, limitatamente ai giorni di svolgimento delle prove nella misura di otto giorni l’anno. (Art. 31, comma 1 CCNL Funzioni Locali e Funzioni Centrali; art. 36 comma 1, Sanità Pubblica).

In questo caso la durata del permesso è limitata ai giorni di svolgimento delle prove, pertanto non è possibile ricomprendere nel permesso anche gli eventuali giorni di viaggio.

I “concorsi” e gli “esami” cui fa riferimento la norma devono intendersi come concorsi pubblici (quindi espletati presso enti pubblici o parificati) e come esami attinenti alla carriera ed al perfezionamento professionale o comunque tenuti presso Scuole o Istituti di istruzione pubblica o parificati.

CCNL 2016-2018 Sanità privata, art. 34, punto 1, lettera C). Diritto a permessi retribuiti per sostenere esami attinenti ai corsi di studio in scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, parificate o legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali, compresi i master e i corsi universitari limitatamente ai giorni necessari per sostenere le prove stesse.

CCNL 2013-2015 ARIS RSA, art. 30. Come per la sanità privata, ad esclusione dei Master.

CCNL 2013-2015 AIOP RSA, art. 25. Come per la Sanità privata, ad esclusione dei Master.

CCNL 20172019 AGIDAE, art. 65. Le lavoratrici e i lavoratori possono usufruire, su richiesta, di permessi retribuiti per sostenere le prove d’esame, compresi quelli universitari.

CCNL 2017-2019 ANPAS, art. 33. Diritto a permessi retribuiti per sostenere esami attinenti la carriera e la perfezionamento professionale, limitatamente al periodo necessario per sostenere l’esame.

CCNL 2010-2012 Cooperative Sociali, art. 69.  Le lavoratrici e i lavoratori, compresi quelli universitari, che devono sostenere prove di esame possono usufruire, su richiesta, di permessi retribuiti per sostenere le prove d’esame. Per usufruire dei permessi la lavoratrice e il lavoratore dovrà esibire la documentazione ufficiale degli esami sostenuti (certificato, dichiarazione o altro idoneo mezzo di prova). I permessi non saranno retribuiti per gli stessi esami universitari che siano stati sostenuti per più di 2 volte nello stesso anno accademico.

CCNL 2002-2005 Misericordie, art. 30. I lavoratori studenti, iscritti e frequentanti corsi regolari di studio in scuole di istruzione primaria, secondaria, universitaria e di qualificazione professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali, hanno diritto, su loro richiesta, ad essere ammessi in turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi o la preparazione degli esami; sempre su loro richiesta saranno esonerati dal prestare lavoro straordinario e durante i riposi settimanali.  I lavoratori, compresi quelli universitari, che devono sostenere prove di esame usufruiscono, su richiesta, di permessi retribuiti giornalieri per sostenere le prove d’esame. Per usufruire dei permessi di cui al precedente comma il lavoratore dovrà esibire la documentazione ufficiale degli esami sostenuti (certificato, dichiarazione o altro idoneo mezzo di prova).  I permessi non saranno retribuiti per gli stessi esami universitari che siano stati sostenuti per più di due volte nello stesso anno accademico.

  • CCNL UNEBA. Non previsti.

CCNL 2017-2019 Valdesi, art. 57. Il personale interessato ai corsi di formazione ha diritto, salvo eccezionali ed inderogabili esigenze di servizio, a turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi e la preparazione agli esami e non è obbligato a prestazioni di lavoro straordinario.

CCNL 2016 Igiene Ambientale, art. 41. I lavoratori che documentino la frequenza ai corsi di scuole statali o parificate, in occasione degli esami, otterranno permessi retribuiti nelle seguenti misure:

– giorni tre, per esami di licenza elementare;

– giorni sei, per esami di licenza media inferiore;

– giorni dodici, per esami di licenza media superiore;

– due giorni, per ciascun esame universitario sostenuto.

I permessi per gli esami universitari di cui sopra sono attribuiti per un massimo di tre volte per il medesimo esame.

CCNL 2018-2020 Fabbricerie, art, 42, punto 2. Diritto, ove ricorrano le condizioni, di usufruire di permessi retribuiti previsti da specifiche disposizioni di legge e per sostenere esami attinenti alla carriera o al miglioramento professionale, limitatamente al periodo necessario per sostenere le prove stesse.

CCNL 1999-2003 Federculture, art. 30 I lavoratori studenti universitari hanno diritto a due giorni di permesso retribuito in relazione a ciascun esame sostenuto.

  • Vigili del Fuoco, DPR 7 maggio 2008.
  • Polizia Penitenziaria, vedi 150 ore.

DIRITTO ALLO STUDIO 150 ORE

Le disposizioni per la fruizione delle 150 ore per il diritto allo studio, previste in tutti i CCNL prevedono, normalmente, che tale diritto possa essere fruito dal 3% del personale in servizio e regolamentano le modalità della loro fruizione, il diritto di precedenza e cosi via.

Non si riportano per tutti i CCNL gli articoli contrattuali a cui si fa rinvio.

(CCNL 2016-2018 Sanità Pubblica, art. 48; CCNL 2016-2018 Funzioni Locali, art. 45; CCNL 2016-2018 Funzioni Centrali, art. 46.)

Vediamo in sintesi cosa prevedono gli articoli dei CCNL sopra citati, avuto riguardo al fatto che sussistono alcune differenze fra i tre articoli, ragione per cui se ne consiglia la visione.

A chi spettano. Le lavoratrici e i lavoratori hanno diritto a permessi retribuiti pari a 150 ore per ogni anno solare, nella misura del 3%  (arrotondata all’unità superiore) calcolata all’inizio di ogni anno sul numero dei dipendenti in servizio a tempo indeterminato.

Tali permessi sono aggiuntivi alle attività formative promosse dalle singole Amministrazioni.

Ne possono fruire anche quanti hanno un rapporto di lavoro a tempo determinato, purché la durata dello stesso non sia inferiore a 6 mesi continuativi, comprensivi anche di eventuali proroghe, in misura riproporzionata alla durata temporale del rapporto di lavoro a tempo determinato.

In ogni caso i lavoratori a tempo determinano possono fruire dei permessi di cui all’art.10 della legge n.300 del 1970. (Vedi sopra)

Per quali percorsi formativi sono concessi. Le 150 ore sono concesse per:

  • per corsi destinati al conseguimento di titoli di studio universitari, post-universitari,
  • per l’istruzione primaria, secondaria
  • per la qualificazione professionale
  • per sostenere gli esami

Agevolazioni. Le lavoratrici e i lavoratori che fruiscono dei permessi, hanno il diritto di a turni di lavoro agevolino la frequenza ai corsi  e per la preparazione agli esami.

Inoltre, non sono tenuti ad effettuare il lavoro straordinario,  né al lavoro nei giorni festivi o di riposo settimanale.

Priorità. Nell’ipotesi che le domande per tali permessi siano superiori al 3% determinato come sopra detto, la concessione ai richiedenti avviene seguendo la seguente priorità:

  1. a) dipendenti che frequentino l’ultimo anno del corso di studi e, se studenti universitari o post-universitari, abbiano superato gli esami previsti dai programmi relativi agli anni precedenti;
  2. b) dipendenti che frequentino per la prima volta gli anni di corso precedenti l’ultimo e successivamente quelli che, nell’ordine, frequentino, sempre per la prima volta, gli anni ancora precedenti escluso il primo, ferma restando, per gli studenti universitari e post-universitari, la condizione di cui alla lettera a);
  3. c) dipendenti ammessi a frequentare le attività didattiche, che non si trovino nelle condizioni di cui alle lettere a) e b)

Ai lavoratori a con rapporto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato, iscritti a corsi universitari con lo specifico status di studente a tempo parziale, i permessi per motivi di studio sono concessi in misura ridotta, in proporzione al rapporto tra la durata ordinaria del corso di laurea rispetto a quella stabilita per il medesimo corso per lo studente a tempo parziale.

Precedenza.  Nell’ambito di ciascuna delle fattispecie di cui alle lettere a), b) c), la precedenza è accordata, nell’ordine, ai dipendenti a quanti prequentano corsi di studio della scuola media inferiore, della scuola media superiore, universitari o post-universitari.

Parità di condizioni. Può accadere che nella formazione della graduatoria si determini una parità di condizioni, in tal caso la priorità nella concessione dei permessi è accordata a coloro che  che non abbiano mai usufruito per lo stesso corso e, in caso di ulteriore parità, secondo l’ordine decrescente di età.

Documentazione. Per la concessione dei permessi gli/le interessati/e  debbono presentare, prima dell’inizio dei corsi, il certificato di iscrizione e, al termine degli stessi, l’attestato di partecipazione e quello degli esami sostenuti anche se con esito negativo.

In mancanza delle predette certificazioni, i permessi già utilizzati sono considerati come aspettativa per motivi personali o, a domanda, come ferie  o riposi compensativi per straordinario già effettuato.

Tirocini. Nel caso in cui il conseguimento del titolo preveda l’esercizio di un tirocinio, l’Amministrazione potrà valutare con l’interessato/a , nel rispetto delle incompatibilità e delle esigenze di servizio, modalità di articolazione della prestazione lavorativa che facilitino il conseguimento del titolo stesso.

Esami. Per sostenere gli esami in alternativa ai permessi delle 150 ore, possono essere utilizzati anche i permessi  giornalieri retribuiti di cui sopra (Vedi).

Ulteriori disposizioni sulla formazione sono previste:

CCNL 2016-2018 Sanità Pubblica: art. 53 principi generali e finalità della formazione; art. 54 destinatari della formazione; art. 55 formazione continua ECM.

CCNL 2016-2018 Funzioni Centrali: art. 52 principi generali e finalità della formazione; art. 53 destinatari della formazione.

CCNL 2016-2018 Funzioni Locali: art. 49 bis principi generali e finalità della formazione; art. 49 ter destinatari della formazione.

Gli altri CCNL

  • CCNL 2016-2018 Sanità privata, 37 fondo per la formazione
  • CCNL 2017-2019 AGIDAE, art. 65 diritto allo studio 150 ore; 66 Qualificazione, riqualificazione e aggiornamento professionale
  • CCNL 2013-2015 AIOP RSA, 32 aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale; 33 ECM; 34 diritto allo studio 150 ore (Questo CCNL non è stato sottoscritto dalla CGIL)
  • CCNL 2013-2015 ARIS RSA, artt. 33 aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale;34 ECM; 35 diritto allo studio 150 ore (Questo CCNL non è stato sottoscritto dalla CGIL)
  • CCNL 2017-2019, ANASTE, artt. 57 diritto allo studio 150 ore; 58 aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale; 59 ECM (Questo CCNL non è stato sottoscritto dalla CGIL)
  • CCNL 2014-2019, art. 76 diritto allo studio 150 ore; art. 77 congedi per la formazione; art. 78 aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale, ECM, formazione continua
  • CCNL 2017-2019 ANPAS, art. 30 diritto allo studio 150 ore; art. 31 qualificazione e riqualificazione professionale, ECM
  • CCNL 2010-2012 Cooperative Sociali, art. 69 diritto allo studio 150 ore; art. 70 aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale
  • CCNL 2002-2005 Misericordie, 30 diritto allo studio 150 ore; art. 31 aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale
  • CCNL 2017-2019 UNEBA, art. 35 diritto allo studio 150 ore; art. 36 aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale
  • CCNL 2017-2019 Valdesi, 57 diritto allo studio 150 ore; art. 58 Formazione ed aggiornamento professionale
  • CCNL 2016 Igiene Ambientale, art. 41 Diritto allo studio
  • CCNL 2018-2020 Fabbricerie, art. 48 congedi per la formazione, art. 49 formazione aziendale e aggiornamento professionale, art. 50 diritto allo studio 150 ore
  • CCNL 1999-2003 Federculture, art. 29 formazione, art. 30 diritto allo studio 150 ore
  • CCNL 2016-2018 Federcasa, art. 43 diritto allo studio 150 ore, art. 44 congedi per la formazione
  • Vigili del Fuoco. DPR 7 maggio 2008
  • Polizia Penitenziaria. DPR 28 ottobre 1985, art. 78, commi 1 e 2

 ATTIVITÀ DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA INTERNA ALLA STRUTTURA (Comparto Sanità Pubblica)

Per la partecipazione ad iniziative formative previste nel piano di formazione aziendale, previste da specifiche disposizioni di legge o dichiarate di particolare valenza dall’Azienda/ente) è considerata servizio ed il dipendente deve registrare la propria presenza secondo le modalità previste.

Solitamente le eventuali eccedenze orarie derivante dall’attività formativa e risultanti dal saldo mensile potranno essere recuperate, si consiglia, in ogni caso, di fare riferimento ai regolamenti aziendali.

Attività di aggiornamento obbligatorio presso terzi. Tale attività (preventivamente autorizzata) deve essere documentata con l’avvenuto svolgimento dell’attività formativa, presentando il relativo attestato di partecipazione con indicazione dell’orario di inizio e di fine attività che viene considerata attività di servizio a tutti gli effetti.

Viene in pratica riconosciuto l’intero orario del corso e le eventuali eccedenze orarie derivate dall’attività formativa e risultanti dal saldo mensile potranno essere recuperate, si consiglia, in ogni caso, di fare riferimento ai regolamenti aziendali.

Non può ovviamente partecipare ad attività di aggiornamento e formazione obbligatoria il dipendente che risulti assente per malattia, infortunio, aspettativa, gravidanza, permessi legge 104/92. In caso di ferie o riposo vengono,invece, riconosciute le ore del corso.

Il tempo di viaggio (tempo necessario per il trasferimento nel luogo in cui si svolge l’aggiornamento obbligatorio), non può di norma essere considerato “orario di lavoro” poiché in tale tempo non si esercita né la propria abituale attività, né altra attività ad essa assimilata e funzionale di addestramento al servizio.

Solo quando la sede del corso sia ad una distanza superiore ad un determinato numero di chilometri dall’abituale sede di servizio, è possibile che venga  riconosciuto come aggiornamento obbligatorio un giorno per il viaggio, anche in questo caso occorre fare riferimento ai regolamenti delle singole strutture.