Addizionali IRPEF Regionali e Comunali

Le Addizionali regionali e comunali rappresentano un altro elemento da considerare nel calcolo e nel trattamento fiscale, in quanto costituiscono le imposte che si aggiungono alle somme dovute da ciascun amministrato, in base alla regione e al comune di appartenenza. Le addizionali vengono trattenute sullo stipendio dal mese di marzo al mese di novembre.

Le due tipologie di imposta, regionale e comunale, si distinguono in base alle differenti modalità di calcolo:

  • addizionale regionale: sul reddito complessivo imponibile si individua l’aliquota da applicare facendo riferimento alla regione in cui l’amministrato ha il domicilio fiscale al 31 dicembre dell’anno di riferimento.
  • addizionale comunale: sul reddito complessivo imponibile si individua l’aliquota da applicare facendo riferimento al comune in cui l’amministrato ha il domicilio fiscale al 1 gennaio dell’anno a cui l’imposta a saldo o ad acconto si riferisce.

E’ previsto, per l’addizionale comunale, un acconto per l’anno successivo pari al 30% del totale dell’imposta dovuta.

Le aliquote sono determinate con delibera dei comuni e delle regioni e sono pubblicate sul sito del Dipartimento delle Finanze.

https://info730.agenziaentrate.it/portale/sl/web/guest/tabella-aliquote-dell-addizionale-regionale-all-irpef-per-l-anno-di-imposta2019