ARAN: I PARERI

Facciamo chiarezza sul valore dei parei espressi dall’ARAN.

Ci è noto che per una considerevole parte della Dirigenza considera i pareri dell’ARAN come vincolanti per le aziende.

Tra le funzioni che la legge assegna all’agenzia per le relazioni sindacali pubbliche, rientrano le risposte ai quesiti formulati dalle aziende e dagli enti, ed assumono esclusivamente l’orientamento di una delle parti firmatarie dei CCNL; non rappresentano, dunque, l’interpretazione autentica delle parti firmatarie che sono regolate da altre disposizioni di legge.

Non è raro che per la medesima questione oggetto di richiesta di chiarimento, l’ARAN si esprima in modo diverso a seconda del comparto, nonostante che la legge precisi che gli orientamenti hanno il fine di uniformare l’applicazione dei CCNL.

I pareri dell’ARAN quindi:

  • non sono e non rappresentano altro che pareri, certamente autorevoli ma per nulla vincolanti;
  • meno che meno acquistano valore di interpretazione autentica che, come è noto, è disciplinata dagli articoli 49 e 64 del D.lgs. 165/2001;
  • non costituiscono assolutamente una fonte del diritto, quindi non possono disporre in merito all’efficacia di clausole contrattuali;
  • non sono vincolanti per il Sindacato e per le RSU, a meno che questi non siano preventivamente condivisi