Assunzioni: agevolazioni per il 2019

Agevolazioni per le assunzioni in vigore all’1.1.2019
Tipologia di assunzione Condizioni Agevolazione
Incentivo per assunzione di lavoratori percettori di un trattamento di disoccupazione da parte di datori di lavoro privati Il lavoratore deve essere beneficiario di un trattamento di disoccupazione Assunzione con contratto a tempo pieno ed indeterminato: incentivo pari al 20% del trattamento di disoccupazione che sarebbe spettata al lavoratore
Incentivo per l’assunzione con contratto a termine o a tempo indeterminato di donne da parte di datori di lavoro privati Assunzione di donne di qualsiasi età, ovunque residenti e prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi Assunzione con contratto a tempo determinato: riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per 12 mesi con possibilità di proroga al 18° mese in caso di trasformazione a tempo indeterminato.
Assunzione con contratto a tempo indeterminato: riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per 18 mesi.
Assunzione di donne di qualsiasi età, residenti in aree svantaggiate e prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi
Assunzione di donne di qualsiasi età, con una professione o appartenenti a un settore economico caratterizzati da un’accentuata disparità occupazionale di genere e prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi (D.I. 28.11.2018)
Incentivo per assunzione in contratto di lavoro determinato o indeterminato di lavoratori over 50, da parte di datori di lavoro privati Assunzione di uomini o donne con almeno cinquant’anni di età disoccupati da oltre dodici mesi il cui status risulti al Centro per l’Impiego competente per territorio, come previsto dall’art. 19, D.Lgs. n. 150/2015 Assunzione con contratto a tempo determinato: riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per 12 mesi con possibilità di proroga al 18° mese in caso di trasformazione a tempo indeterminato.
Assunzione con contratto a tempo indeterminato: riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per 18 mesi.
Incentivo per assunzione di lavoratori in CIGS Assunzione di lavoratori in CIGS da almeno 3 mesi e di dipendenti di aziende beneficiarie di CIGS da almeno 6 mesi Assunzione con contratto a tempo pieno e indeterminato: contribuzione dovuta del 10% al pari di quella versata per gli apprendisti; la quota a carico del lavoratore è quella ordinaria.
Contributo pari al 50% dell’indennità che sarebbe spettata al lavoratore per i seguenti periodi:
– lavoratori fino a 50 anni di età: 9 mesi;
– lavoratori con più di 50 anni: 21 mesi;
– lavoratori con più di 50 anni e residenti nel mezzogiorno o in aree con alto tasso di disoccupazione: 33 mesi
Riduzione contributiva per assunzione di lavoratore in sostituzione di lavoratori assunti in congedo maternità/paternità, da parte di datori di lavoro con meno di 20 dipendenti Assunzione in contratto a tempo determinato di lavoratore che sostituisca un lavoratore stabile assente per congedo obbligatorio di maternità o congedo parentale Riduzione del 50% dei contributi Inps a carico datore di lavoro e dei premi Inail per un massimo di 12 mesi
Assunzione in apprendistato di lavoratori di qualsiasi età ai fini della loro qualificazione o riqualificazione professionale Assunzione in apprendistato professionalizzante, senza limiti di età, i lavoratori beneficiari di un trattamento di disoccupazione La contribuzione è quella ordinaria prevista per l’apprendistato professionalizzante.
Il vero beneficio (ulteriore) riguarda il fatto di potere assumere senza limiti di età.
Esonero per i datori di lavoro privati in ordine a nuove assunzioni effettuate dal 1º gennaio 2018 con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti, di cui al D.Lgs. 4 marzo 2015, n. 23 (art. 1, co. 100 e ss., legge 27.12.2017, n. 205) Il lavoratore non deve aver compiuto il trentesimo anno di età e non deve mai essere stato occupato a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro Il beneficio consiste in un esonero dal versamento del 50% dei contributi previdenziali, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, nel limite massimo di euro 3.000 su base annua, per una durata massima di 36 mesi
Sgravio SUD. Proroga per gli anni 2019 e 2020 dello sgravio per gli assunti operanti nelle regioni della Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, e nelle regioni “in transizione” Abruzzo,Molise, Sardegna, (art.1, co. 893, legge n. 205/2017 – Sgravio prorogato al 2020 dal co. 247, legge n. 145/2018) I lavoratori devono possedere un’età compresa tra i 16 anni e 34 anni di età (34 anni e 364 giorni), aver dichiarato lo stato di disoccupazione presso il Centro per l’Impiego territorialmente competente ai sensi dell’art. 19, D.Lgs. n. 150/2015, ovvero essere lavoratori over 35 anni disoccupati, privi di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi L’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, per un importo massimo di euro 8.060 su base annua, riparametrato e applicato su base mensile per dodici mensilità e fruibile, a pena di decadenza, entro il termine del 28 febbraio 2021
Assunzioni Giovani Neet. Beneficio prorogato da decreto Anpal n. 581 del 28.12.2018 per contratto a tempo indeterminato anche a scopo di somministrazione in contratto di apprendistato professionalizzante; contratto di lavoro subordinato di socio lavoratore di cooperativa; trasformazione di un contratto da tempo parziale a tempo pieno I giovani da assumere devono avere un’età compresa tra i 16 e i 29 anni (29 anni e 364 giorni), non devono essere impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (Neet – Not in Education, Employment or Training) e devono essere aderenti al Programma “Garanzia Giovani”. I giovani al disotto della maggiore età devono aver assolto al diritto dovere all’istruzione e formazione L’agevolazione consiste in un’esenzione totale dalla contribuzione previdenziale, con esclusione di premi e contributi dovuti all’Inail, nel limite massimo di euro 8.060 annui
Esonero per i datori di lavoro privati in ordine a nuove assunzioni effettuate dal 1º gennaio 2018, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche in apprendistato, di giovani entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio (esonero originariamente previsto dal comma 308 della L. 232/2016 e divenuto strutturale ad opera del comma 108 della L. 205/2017 ed equiparato all’esonero triennale di cui al comma 100 e seguenti della stessa legge) Assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti, anche a tempo parziale, di studenti che hanno svolto presso il medesimo datore di lavoro attività di alternanza scuola-lavoro pari:
– almeno al 30% delle ore di alternanza previste della legge n. 107/2015;
– pari almeno al 30% del monte ore previsto per le attività di alternanza all’interno dei percorsi erogati ai sensi del D.Lgs. n. 226/2005;
– pari almeno al 30% del monte ore previsto per le attività di alternanza realizzata nell’ambito dei percorsi di cui al D.P.C.M. 25 gennaio 2008;
– pari almeno al 30% del monte ore previsto dai rispettivi
ordinamenti per le attività di alternanza nei percorsi universitari
Su domanda e per un periodo massimo di 36 mesi, esonero dal versamento del 100% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, nel limite massimo di importo pari a euro 3.000 su base annua
Esonero per datori di lavoro privati che assumono studenti dal 1º gennaio 2018, a tempo indeterminato, entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio(esonero originariamente previsto dal comma 308 della L. 232/2016 e divenuto strutturale ad opera del comma 108 della L. 205/2017 ed equiparato all’esonero triennale di cui al comma 100 e seguenti della stessa legge) Assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti a tempo indeterminato, anche a tempo parziale, di studenti che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione Su domanda e per un periodo massimo di 36 mesi esonero dal versamento del 100% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, nel limite massimo di importo pari a euro 3.000 su base annua