Bonus per i figli che pagano la badante

Domanda

Sono una dipendente pubblica con una mamma affetta da una grave patologia e ipovedente, per cui le è stata riconosciuta l’invalidità del 100 per cento. Per tali motivi ha bisogno di assistenza continua: ho assunto una badante pagando tutti i costi, sia contributivi che retributivi. Pur non essendo la mamma a mio carico, posso detrarre i costi da me sostenuti per la badante? In caso di risposta positiva, quali sono i documenti necessari, e c’è un massimale entro cui far valere la detrazione?

Risposta

Due sono le agevolazioni Irpef fruibili per l’assistenza personale di soggetti con disabilità:

  1. a) deduzione dal reddito complessivo degli oneri contributivi (fino all’importo massimo di 1.549,37 euro) versati per gli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o familiare (si veda l’articolo 10, comma 1, lettera e, del Tuir);
  2. b) detrazione Irpef del 19% delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale, da calcolare su un importo massimo di 2.100 euro, a condizione che il reddito complessivo del contribuente non sia superiore a 40.000 euro (nel cui limite va compreso anche il reddito dei fabbricati locati assoggettato al regime della cedolare secca) e che il soggetto disabile sia in condizione di “non autosufficienza” nel compimento degli atti della vita quotidiana (articolo 15, comma 1, lettera i-septies, del Tuir).I benefici citati sono cumulabili tra loro; tuttavia, la deduzione degli oneri contributivi può essere fruita solo dal datore di lavoro o dal familiare di cui lo stesso risulti fiscalmente a carico.

Ciò premesso, alle condizioni citate, la lettrice potrà fruire della detrazione del 19 per cento.

La documentazione che deve produrre è la seguente:

1) certificazione medica dalla quale risulti la “non autosufficienza” della madre;

2) ricevute firmate dall’addetto all’assistenza con indicazione del codice fiscale e dei dati anagrafici di chi effettua il pagamento e di chi presta l’assistenza, nonchè degli estremi anagrafici e del codice fiscale del familiare assistito.