Aspettativa per i dipendenti in particolari condizioni psicofisiche dipendenti pubblici

I lavoratori affetti da tossicodipendenza, alcolismo cronico o grave debilitazione psicofisica, ovvero i portatori di handicap che debbono sottoporsi o che s’impegnano in un progetto terapeutico di recupero o di riabilitazione presso una struttura specializzata pubblica o convenzionata, hanno diritto:

  • ad un’aspettativa per infermità per l’intera durata del progetto, retribuita per un massimo di 18 mesi secondo le modalità previste per le assenze per malattia ; superato tale periodo retribuito, competono ulteriori 18 mesi non retribuiti;
  • alla concessione di permessi giornalieri retribuiti di due ore per tutta la durata del progetto;
  • allo svolgimento di mansioni diverse da quelle abituali, nell’ambito della stessa categoria, quando tale attribuzione sia parte del progetto.

I lavoratori che hanno dei parenti, entro il terzo grado ovvero conviventi stabili, che hanno iniziato il progetto di riabilitazione o terapeutico, hanno diritto ad un’aspettativa non retribuita (per motivi di famiglia) per tutta la durata del progetto. Il rientro in servizio deve avvenire entro 15 giorni dalla conclusione del progetto.

Questa tipologia di aspettativa non rientra nel cumulo delle aspettative.