Maggiorazione dell’anzianità contributiva per la pensione

In alcuni casi l’effettuazione di attività lavorative particolari comporta la copertura assicurativa potenziata: il contributo previdenziale corrispondente a tali periodi, che sarebbe spettato in condizioni normali, viene moltiplicato per determinato coefficienti di trasformazione.
Il complesso dei periodi dovuti a maggiorazione di qualsiasi tipo non può superare il limite di 5 anni, e dal 1° gennaio 2012 le maggiorazioni calcolate nel sistema contributivo sono utili sia ai fini del diritto che della misura della pensione.
Ad esempio: i lavoratori dei Vigili del Fuoco e della Polizia Penitenziaria, hanno la maggiorazione di 1/3 del periodo utile ai fini della pensione.