Dimissioni lavoratrice madre

Le dimissioni della lavoratrice madre sono sottoposte ad una particolare procedura di convalida presso Direzioni Provinciali del Lavoro, al fine di contrastare il fenomeno dei licenziamenti delle lavoratrici madri spesso mascherate sotto la forma delle dimissioni forzate.L’art. 55 del D.lgs 151/2001 prevede che la lavoratrice madre sia tenuta a confermare le proprie dimissioni alla presenza di un pubblico ufficiale.  Con la conseguenza che le dimissioni non convalidate presso la Direzione Provinciale del Lavoro sono nulle e quindi prive di effetti. 
Il periodo di protezione della lavoratrice madre durante il quale segue l’iter predeterminato dalla legge va dalla data del concepimento fino al compimento del primo anno di età del bambino o nel primo anno di accoglienza del minore adottato o in affidamento.