Anno sabbatico

L’anno sabbatico ha la durata di 11 mesi. E’ un periodo che i lavoratori possono sfruttare per “staccare la spina” dalla routine quotidiana, che spesso diventa pesante, utilizzandolo per approfondire le sue conoscenze professionali attraverso la frequenza di corsi di formazione o altre esperienze in diverse realtà produttive.

L’anno sabbatico si presta quindi come uno strumento adatto a coniugare vita professionale con quella privata che sicuramente ne trarrebbe benefici.

Possono chiedere l’anno sabbatico soltanto i lavoratori con almeno 5 anni di servizio.

Questo tipo di congedo è comunque un periodo non retribuito, non cumulabile con l’anzianità di servizio, con le ferie, con la malattia e con le altre forme di congedo (esempio di maternità o paternità).

L’anno sabbatico non rientra neanche sotto la copertura previdenziale, ma il dipendente può chiedere un anticipo del trattamento di fine rapporto per sostenere le spese.

Se la sua domanda sarà accettata, l’anticipo sarà incluso nella busta paga dell’ultimo mese prima del periodo d’assenza.