Formazione: ingresso stranieri

È consentito l’ingresso in territorio nazionale, per motivi di studio,ai cittadini stranieri che intendono:

1) seguire corsi universitari;

2) seguire corsi superiori di studio o d’istruzione tecnico-professionale, a tempo pieno e di durata determinata, purché maggiorenni,e verificata la coerenza dei corsi da seguire in Italia con la formazione acquisita nel Paese di provenienza, accertate le disponibilità economiche, nonchè la validità dell’iscrizione o pre-iscrizione al corso da seguire in Italia;

3) svolgere, purché maggiori di anni quattordici, corsi di studio presso istituti e scuole secondarie nazionali statali o paritarie o presso istituzioni accademiche, nell’ambito di programmi di scambi e di iniziative culturali approvati dal Ministero degli affari esteri, dal Ministero dell’istruzione,

dell’università e della ricerca o dal Ministero per i beni e le attività culturali.

Lo straniero in possesso dei requisiti previsti per il rilascio del visto di studio che intende frequentare corsi di formazione professionali organizzati da enti di formazione accreditati, finalizzati al riconoscimento di una qualifica o, comunque, alla certificazione delle competenze acquisite, di durata non superiore a 24 mesi, può essere autorizzato all’ingresso in Italia nei limiti stabiliti annualmente