CONCORSI PUBBLICI

La presente guida è uno strumento per capire qualcosa in più sul mondo dei concorsi pubblici e del pubblico impiego.

Il processo normativo che riguarda il rapporto di pubblico impiego è tuttora in atto e non si esclude che in un futuro le norme che lo disciplinano possano essere modificate o sostituite.

Nella stesura di questo testo ci siamo attenuti principalmente a quanto disposto dal D.P.R. 9-5-1994, n. 487 che regolamenta l’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi.

Nonché dal D. Lgs. 165/2001 contenente norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, così come modificato dalle leggi successive.

La normativa fondamentale vigente in tema di concorsi pubblici risulta pertanto attualmente rappresentata:

  • dall’art. art. 97 della Costituzione che sancisce l’obbligo di accedere agli impieghi nelle Pubbliche Amministrazioni mediante concorso, salvo casi stabiliti dalla legge;
  • dall’art. 35 del D. Lgs 165/2001 e sue successive modifiche, che prevede, tra l’altro, la pubblicità, la trasparenza, l’oggettività dei meccanismi di selezione, il decentramento quali principi essenziali delle procedure di reclutamento nelle Amministrazioni Pubbliche, compresi gli Enti Locali;
  • dagli artt. 28, 28 bis (quest’ultimo inserito dall’art.47 del d.lgs. n. 150 del 2009) del Testo Unico sul Pubblico Impiego, riguardanti la nuova disciplina per l’accesso alla qualifica di Dirigente di seconda e di prima fascia nelle Amministrazioni Pubbliche;
  • dall’art. 37 del D. Lgs. 165/2001 che prevede la necessità dell’accertamento delle conoscenze informatiche e delle lingue straniere nei concorsi.