Fine congedo biennali e autorizzazione

Domanda

Fine congedo biennali e autorizzazione

Infermiera professionale in una struttura sanitaria privata, sono stata autorizzata fino a dicembre 2017 al congedo per due anni per assistere il coniuge (Dlgs 151/2000).

In precedenza ho ricevuto due permessi per la concessione di tre giorni di “104/92”, per mio suocero, con relative autorizzazioni Inps del 28 dicembre 2016 (sospesi per fruire la rimanenza del congedo straordinario dei due anni), con decorrenza dal 1° dicembre 2016 e senza limiti di validità temporali.

Per mio marito, l’autorizzazione Inps è del 21 novembre 2016, con decorrenza dal 22 novembre 2016, fino alla concessione dell’iter sanitario della prevista revisione (febbraio 2018).

Chiedo se, alla conclusione del beneficio del congedo straordinario di due anni (e precisamente il 28 dicembre 2017), devo inoltrare nuovamente la pratica per fruire dei tre giorni di “104/92” per assistere mio suocero e mio marito (entrambi con autorizzazioni Inps concesse in precedenza). L’azienda chiede nuove autorizzazioni.

Risposta

Si ritiene che, al termine del congedo di due anni per assistenza del proprio coniuge, la lettrice dovrebbe chiedere nuovamente all’Inps l’autorizzazione per fruire dei tre giorni previsti dalla legge 104/92 per il suocero e per il marito, anche se le relative autorizzazioni erano state rilasciate prima della concessione del congedo biennale.

La fruizione del congedo biennale comporta infatti la sospensione del rapporto di lavoro, per cui, con il rientro in servizio, l’autorizzazione a fruire dei tre giorni di permesso dovrebbe essere subordinata alla presentazione di una nuova domanda.

Vista la specificità della problematica, ulteriori informazioni potranno essere fornite recandosi al Patronato INCA della CGIL.