Lavoratori non vedenti: età pensionabile

Per i lavoratori dipendenti non vedenti l’età per la pensione di vecchiaia è fissata in:

  • 50 anni per le donne
  • 55 anni per gli uomini

Contribuzione. Il requisito per la contribuzione è stabilito in 10 anni.

Questi requisiti ridotti trovano applicazione per i lavoratori ciechi dalla nascita o divenuti tali prima dell’inizio del rapporto assicurativo obbligatorio e per quelli che, pur divenuti ciechi dopo l’assicurazione, possano tuttavia fa valere almeno 10 anni di contribuzione per lavoro svolto dopo l’insorgere della cecità.

 

Per i lavoratori non vedenti (affetti da cecità assoluta o con residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi, con eventuale correzione) che non si trovino nelle anzidette condizioni, restano fermi i requisiti di età di 55 e 60 anni e di 15 anni di contribuzione previsti al 31 dicembre 1992.