Fornitura di strumenti tecnici INAIL

In conseguenza dei postumi dell’infortunio o della malattia professionale il lavoratore ha diritto alla fornitura di apparecchi di protesi.

Fornitura di dispositivi tecnici. L’INAIL fornisce dispositivi tecnici (protesi, ortesi e ausili) elencati nel

Nomenclatore tariffario (decreto del Ministero della sanità 332/1999) e personalizzati non compresi nel suddetto nomenclatore tariffario, altri dispositivi, accessori, prestazioni e servizi finalizzati al recupero dell’autonomia personale, al miglioramento dell’accessibilità ambientale e abitativa che consentano il reinserimento nella vita di relazione.

L’INAIL  interviene nella realizzazione di opere di abbattimento e superamento delle barriere architettoniche in ambiente domestico; effettua la fornitura o il rimborso delle spese di acquisto di comandi speciali e adattamenti o modifiche di autoveicoli di assistiti o di familiari che li abbiano fiscalmente a carico; nella fornitura di ausili informatici, sistemi domotici e altra strumentazione tecnologica; nell’adattamento tecnico dell’attrezzatura sportiva al fine di consentirne l’uso alle persone con disabilità nonché nella fornitura di ausili appositamente realizzati per la persona con disabilità che ne faccia richiesta per l’esercizio di una disciplina sportiva . Oltre alla fornitura, l’Inail provvede alla manutenzione, riparazione e al rinnovo del dispositivo tecnico fornito.

Nessuno, eccetto i casi in cui il costo del dispositivo erogato all’assicurato da un fornitore esterno risulti superiore a quello autorizzato dall’Inail. In tale ipotesi la differenza di importo sarà a carico del lavoratore.

Fornitura di dispositivi tecnici, training riabilitativo per il corretto utilizzo e supporto psicosociale. Ne sono destinatari gli infortunati sul lavoro e/o affetti da malattia professionale assistiti dall’Inail; cittadini italiani e stranieri assistiti dal Servizio sanitario nazionale; cittadini italiani e stranieri provenienti da Paesi della UE o da altri Paesi con i quali esistano accordi di reciprocità; stranieri presenti in Italia non assistiti dal Servizio sanitario nazionale; cittadini italiani e stranieri assistiti dal Servizio sanitario nazionale che intendono fruire di prestazioni non erogate da quest’ultimo.

Per gli infortunati sul lavoro e/o affetti da malattia professionale: le prestazioni erogate sono a carico della dell’INAIL.

Per gli assistiti dal Servizio sanitario nazionale: le prestazioni previste dal Nomenclatore tariffario sono a carico del Servizio sanitario nazionale, previa autorizzazione della ASL competente.

Le prestazioni non previste dal Nomenclatore o integrative di quelle previste dallo stesso sono a carico dell’assistito.

Per le persone non assistite dal Servizio sanitario nazionale: le prestazioni erogate sono a carico del richiedente.