Permessi in caso di calamità naturali

In caso di svolgimento di attività di soccorso o di assistenza il lavoratore può usufruire dei permessi retribuiti per un periodo non superiore a 30 giorni continuativi in occasione di calamità naturali per un massimo di 90 giorni l’anno.

Emergenza nazionale. In caso di situazioni di emergenza nazionale il limite dei permessi retribuiti viene aumentato a 60 giorni non continuativi entro un massimo di 180 giorni l’anno.

Simulazione e formazione. Per le attività di simulazione di emergenza o di formazione sono riconosciuti al lavoratore dei periodi di assenza dal lavoro non superiori a dieci giorni continuativi entro un limite massimo di 30 giorni l’anno.

Le assenze dal lavoro sono retribuite dal datore di lavoro che può fare richiesta di rimborso alle autorità della protezione civile entro due anni dal termine dell’attività che ha giustificato l’assenza del lavoratore. La richiesta di rimborso non comprende gli oneri previdenziali e assistenziali.