Job Act Mansioni (nuova disciplina per i lavoratori privati)

N. B. La disciplina della mansioni qui esaminata riguarda esclusivamente i rapporti di lavoro privati e non i rapporti di lavoro di Pubblico Impiego.
In via generale, il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto, cioè quelle che sono state concordate fra le parti nel contratto di lavoro. Il D.Lgs. 81/2015 ha modificato l’art. 2103 Codice Civile e introdotto una nuova disciplina delle mansioni dei  lavoratori subordinati. c.d. Jobs Act.

N. B. Salvo diversa previsione, nei paragrafi seguenti, per contratti collettivi si intendono i contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e i contratti collettivi aziendali stipulati dalle loro RSA o dalla RSU (art. 51 D.Lgs. 81/2015).

a. Modifiche unilaterali del datore di lavoro

In corso di rapporto il datore di lavoro può adibire il lavoratore ad altre mansioni purché riconducibili allo stesso livello e categoria legale di inquadramento delle ultime effettivamente svolte oppure corrispondenti all’inquadramento superiore che abbia successivamente acquisito (ad esempio per effetto di una promozione).

Ogni patto contrario è nullo, fatta eccezione per le ipotesi, regolate dalla legge, di assegnazione a mansioni diverse per esigenze legate all’attività produttiva oppure per accordo tra le parti (vedi punto b.).

Se necessario, il mutamento delle mansioni è accompagnato da un percorso di formazione correlato alle nuove mansioni da svolgere. Il mancato esperimento della formazione non comporta, comunque, la nullità dell’atto di assegnazione delle nuove mansioni.
1. Mansioni superiori
sono considerate mansioni superiori quelle caratterizzate da un più elevato contenuto professionale e, per conseguenza, inserite in un livello di inquadramento superiore. Il datore di lavoro può assegnare al dipendente mansioni superiori temporaneamente:

  • in caso di sostituzione di altro lavoratore in servizio, sino al rientro di quest’ultimo, oppure
  • per tutte le altre ragioni (ad es. momentanea vacanza di una posizione in organico), per un periodo di tempo limitato decorso il quale il lavoratore ha diritto all’inquadramento superiore.

Sostituzione di lavoratore
Se il datore di lavoro ha l’esigenza di coprire la posizione di un altro lavoratore in servizio, può adibire il lavoratore a mansioni superiori, riconoscendogli il corrispondente trattamento. In tal caso, l’assegnazione a mansioni superiori perdura sino al rientro del lavoratore sostituito e la promozione automatica è sempre. Si tratta, a nostro avviso, delle ipotesi di sostituzione di lavoratori assenti per malattia, ferie, maternità.
Altre ipotesi
L’assegnazione temporanea a mansioni superiori, per ragioni diverse da quella sostitutiva, è ammessa per il periodo di tempo fissato dai contratti collettivi o, in mancanza, per un periodo non superiore a 6 mesi continuativi.
L’adibizione a mansioni superiori comporta per il dipendente il diritto a ricevere il trattamento economico corrispondente all’attività svolta. Dopo l’assegnazione temporanea, il lavoratore torna alle proprie mansioni originarie.
Il lavoratore che ha svolto mansioni superiori, in concreto ed in via continuativa, ha diritto, dopo il periodo fissato dai contratti collettivi (o, in mancanza, dopo 6 mesi), al definitivo riconoscimento della qualifica superiore e al relativo trattamento, salvo che vi rinunci.
A nostro avviso, la rinuncia alla promozione automatica deve essere formalizzata dal lavoratore per iscritto.
2. Mansioni inferiori.
L’adibizione a mansioni inferiori (c.d. demansionamento) è in generale vietata in quanto lesiva della professionalità acquisita dal lavoratore, fatta eccezione per le seguenti ipotesi:

  • modifica degli assetti organizzativi aziendali, tale da incidere sulla posizione del lavoratore stesso

e/o

  • ipotesi previste dai CCNL

In entrambe le ipotesi le mansioni attribuite possono appartenere al livello di inquadramento inferiore nella classificazione contrattuale a patto che rientrino nella medesima categoria legale. Il datore di lavoro comunica al lavoratore l’assegnazione a mansioni inferiori in forma scritta a pena di nullità.
Trattamento economico
Il lavoratore ha diritto di conservare il livello di inquadramento e il trattamento retributivo riconosciuto prima dell’assegnazione alle mansioni corrispondenti al livello inferiore. Sono tuttavia esclusi gli elementi retributivi collegati a particolari modalità di esecuzione della prestazione lavorativa precedentemente svolta dal lavoratore (ad esempio, indennità collegate al lavoro svolto), che il datore di lavoro non è obbligato a mantenere.
Violazione delle condizioni
Se il datore di lavoro adibisce il lavoratore a mansioni inferiori in ipotesi diverse da quelle sopra riportate, il demansionamento è illegittimo. Pertanto il lavoratore può sempre chiedere (anche in via d’urgenza) il riconoscimento della qualifica corretta, nonché, quando il demansionamento presenta una gravità tale da impedire la prosecuzione – anche provvisoria – del rapporto, recedere dal contratto per giusta causa.
Una copiosa giurisprudenza della Cassazione stabilisce che il rifiuto di svolgere le nuove mansioni (art. 1460 c.c.) è ritenuto legittimo solo se rappresenta una reazione del lavoratore proporzionata e conforme a buona fede. In ogni caso, qualora ci si trovasse in tale situazione, è sempre utile rivolgersi agli uffici vertenze della CGIL.

b. Modifiche per accordo tra le parti

Datore di lavoro e lavoratore, tramite la sottoscrizione di un accordo individuale possono modificare:

  • le mansioni;
  • la categoria legale;
  • il livello di inquadramento:
  • la relativa retribuzione.

La modifica è consentita solo quando sia motivata da un rilevante interesse del lavoratore rientrante in una delle seguenti ipotesi:

  • conservazione dell’occupazione;
  • acquisizione di una diversa professionalità;
  • miglioramento delle condizioni di vita.

Il caso più frequente, già ammesso dalla giurisprudenza e ora previsto direttamente dalla legge, è quello dell’accordo tra le parti finalizzato ad evitare il licenziamento conseguente alla soppressione della posizione lavorativa occupata fino a quel momento dal lavoratore.
Il preminente interesse del lavoratore alla salvaguardia del posto di lavoro, può giustificare non solo l’adibizione a mansioni inferiori (anche con più di un livello di sottoinquadramento) ma anche la riduzione della retribuzione e il passaggio, ad esempio, dalla categoria impiegatizia a quella operaia.
Resta ferma, in ogni caso, la facoltà per il lavoratore di aderire o meno alla proposta del datore di lavoro. Forma dell’accordo L’accordo deve essere stipulato, alternativamente:
-in una sede “protetta” (art. 2113 c.c.);
-davanti ad una commissione di certificazione.
Il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante dall’associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato o da un avvocato o da un consulente del lavoro.