Nuovo obbligo formativo

L’articolo 68 (Obbligo di frequenza di attività formative) della Legge 144/1999 prevede, al fine di potenziare
la crescita culturale e professionale dei giovani, la progressiva istituzione a decorrere dall’anno 1999/2000
dell’obbligo di frequenza di attività formative fino al compimento dei 18 anni.
Tale obbligo può essere assolto in percorsi anche integrati di istruzione e formazione:
 

  • nel sistema di istruzione scolastica (scuole secondarie superiori statali e paritarie, pareggiate o legalmente riconosciute);
  • nel sistema della formazione professionale di competenza regionale;
  • nell’esercizio dell’apprendistato.

L’obbligo si intende comunque assolto con il conseguimento di un diploma di scuola secondaria superiore o
di una qualifica professionale che, per essere valida ai fini dell’assolvimento dell’obbligo, deve essere
acquisita dopo percorsi di formazione professionale di durata complessiva non inferiore a due anni, salvo il
riconoscimento di eventuali crediti.